I come...
Integrazione

Integrare vuol dire mettere insieme, unire più cose e stimolare un lavoro a 360 gradi.

L'integrazione è parte del processo di crescita in cui anche l'alimentazione ne può giovare.

UN NUOVO STILE DI VITA

Integrare delle cose nuove nella propria routine è un processo complesso, faticoso e delicato e se non ci si dà il giusto tempo, si arriva ad odiarne l'idea.

L'integrazione di nuove modalità e informazioni, è un processo necessario per stabilire e creare equilibrio.

Il processo di cui ti parlo è relativo ad un inserimento consapevole di nuovi stimoli e nuovi modi di approcciarsi al cibo e a sè stessi. Incontrare professionisti che ti aiutino a comprendere certi funzionamenti è necessario per integrare il cambiamento alimentare con quello mentale e corporeo.

QUALI ELEMENTI FAVORISCONO L'INTEGRAZIONE

- LA CONOSCENZA: la voglia di conoscere e di sapere come funzionano la mente e il corpo aiuta a conoscere quali sono i meccanismi più o meno efficaci. A volte si fanno delle cose per automatismo più che per conoscenza e senza rendersene conto si fa più male che bene (come ad esempio le alimentazioni che tolgono determinati tipi di cibi)

- LA FLESSIBILITA' MENTALE: accogliere la novità ed essere aperti al nuovo aiuta ad accogliere nuove informazioni e nuove modalità di approccio alle cose.

-UNA BUONA RETE DI RELAZIONI: di amici, di persone con cui condividere il percorso e di professionisti.  Lo scambio e la condivisione sociale aiutano ad integrare nuovi punti di vista e nuovi approcci che alimentano la possibilità di aggiungere prospettive che non avevi mai preso in considerazione.

IL CIBO COME INTEGRAZIONE DI MENTE, CORPO E CULTURA

Il momento del pasto è da sempre fondamentale per l'incontro con gli altri e con l'altro. E' nei momenti a tavola che molte dinamiche si alimentano e si cronizzano. Il cibo è molto di più del semplice mangiare o nutrire il corpo. E' incontro, scambio, condivisione, parole, momenti,

Integrare quindi un aspetto di qualità relazionale, a quello di un buon cibo e alla cura del corpo, è la chiave di svolta.

Alla prossima lettera!

Dott.ssa Anna Antinoro

Psicologa e Psicoterapeuta

www.flexymed.it